Asia, Central Asia

Ritratti dall’Asia Centrale

Per secoli l’Asia Centrale è stata il crocevia di culture e civiltà provenienti da diverse parti del continente. Per questo motivo si incontrano volti e sguardi di una varietà incredibile.

In Kyrgyzstan, Tajikistan, e Uzbekistan abbiamo incrociato visi turchi, slavi, cinesi, persiani e mediorientali. Le immagini pubblicate in questo post offrono solo un piccolo assaggio della varietà di questi popoli. Speriamo che, come noi, riuscirete a leggere negli sguardi della gente fotografata l’incredibile storia di questi luoghi. Storia di invasioni, di migrazioni, di grandi imperi e civiltà. Storia di dittature e di democrazie post-sovietiche non propio democratiche. Storia di guerre civili. Storia di diseguaglianze sociali. Storia di donne con non troppi diritti. Ma anche storia di grandi culture e di bimbi che vivranno un futuro migliore rispetto ai loro genitori.

Aiperi con la sua bimba più piccola – Alay Valley, Kyrgyzstan
Bimba al Jailoo Yurt Camp – Alay Valley, Kyrgyzstan
Riunione familiare in un ristorante in riva al fiume – Jeti-Oguz, Kyrgyzstan

Oggigiorno la situazione varia molto da paese a paese. Si va infatti da un’Uzbekistan in fase di crescita economica e apertura verso l’estero a un Kyrgyzstan politicamente instabile e a un Tajikistan più arretrato e povero che sembra basare parte della sua economia su traffici più o meno chiari con l’Afghanistan.

Giovane donna – Zumrad Homestay, Langar, Pamir, Tajikistan
Giovane guida ai petroglifici di Langar – Pamir, Tajikistan
Bambina in abiti tradizionali in occasione di una festa religiosa – Murghab, Pamir, Tajikistan

La nascita degli ‘Stan’

Prima dell’Unione Sovietica i popoli dell’Asia Centrale si distinguevano in nomadi o stanziali, turchi o persiani oppure in base alla religione o al clan di appartenenza. Furono i sovietici a creare il concetto di nazione ed etnia Uzbek, Kyrgyz, Tajik, Kazakh e Turkmen. E furono contingenze storiche e giochi geopolitici fra grandi potenze a definire gli attualii confini geografici di questa regione.

Nonostante i confini siano ormai tracciati sulla carta, è possibile trovare le diverse etnie in tutte le nazioni. Ad esempio il 14% della popolazione in Tajikistan è di etnia Uzbek.

Bimbo di etnia Kyrgyz – Lago Karakul, Pamir, Tajikistan
Ragazza di etnia Kyrgyz – Yurta di famiglia, Lago Karakul, Pamir, Tajikistan
Lavoratore del Pamir Hotel di etnia Kyrgyz – Murghab, Pamir, Tajikistan
Ragazze al confine con l’Afghanistan – Pamir, Tajikistan

Che lingue si parlano in Asia Centrale?

Un’altro dettaglio interessante è la questione linguistica. Prima di visitare questi paesi non sapevamo che i Tajik parlassero una variazione del farsi (persiano) e che gli altri popoli dell’Asia Centrale parlassero lingue provenienti dal ceppo turco. Per ragioni storiche la lingua comune dei popoli della regione è il russo, eredità dell’Unione Sovietica, spesso usato come lingua principale nelle scuole e nelle università.

Donne Tajik al Bazaar – Samarcanda, Uzbekistan
Tessitrice di arazzi – Fine Art Museum, Tashkent, Uzbekistan
Musicista che ci ha dedicato una canzone di benvenuto – Bukhara, Uzbekistan
Commerciante in una Madrasa – Bukhara, Uzbekistan

E la religione?

Ce lo siamo chiesto anche noi e abbiamo scoperto che nonostante i 70 anni di comunismo, l’82% della popolazione dell’Asia Centrale è musulmana, percentuale a quanto pare in crescita. La nostra impressione è che i popoli del Kyrgyzstan e dell’Uzbekistan siano meno conservatori in termini religiosi del Tajikistan. Fa eccezione la comunità Ismailita del Pamir che sembra interpretare l’Islam in modo più aperto.

Il 14% è di religione russo-ortodossa mentre il restante 4% è ripartito fra altre religioni.

E ancora una volta la bimba della prima foto, figlia di Aiperi, talmente bella! – Alay Valley, Kyrgyzstan

Insomma l’Asia Centrale è una regione del mondo poco conosciuta ma interessantissima. Speriamo di avervi ispirato almeno un poco 🙂

* Fonti: Guide locali, Lonely Planet edizione 06/18

1 thought on “Ritratti dall’Asia Centrale”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s